Visualizzazione di tutti i 2 risultati

Filtra per:
  • img-book

    Nuovo Ordine Morale. Una feroce dittatura militare. Un nuovo sistema carcerario estremo in cui le Cisterne rappresentano il terribile strumento per una radicale epurazione della società.


    La Cisterna di: Nicola Lombardi 9,90

    Nuovo Ordine Morale. Una feroce dittatura militare. Un nuovo sistema carcerario estremo in cui le Cisterne rappresentano il terribile strumento per una radicale epurazione della società.
    Giovanni Corte, giovane pieno di speranze, conquista l’ambito ruolo di Custode della Cisterna 9, nella quale dovrà trascorrere un anno. E comincia così per lui un cammino – inesorabile, claustrofobico, allucinante – lungo gli oscuri sentieri dell’anima umana, verso il cuore buio di tutti gli orrori che albergano fuori e dentro ciascuno di noi.

    “Il genere a cui possiamo ascrivere La Cisterna forse è il postapocalittico, ma non renderebbe giustizia alla complessità della storia raccontata dall’autore romagnolo che riesce a incutere paura e timore senza spargimenti di sangue, ma con il semplice utilizzo della parola e dell’immaginazione. Un vero capolavoro.”
    (LETTERATURA HORROR)

    “Un horror psicologico, che scava nelle paure più profonde. Una trama avvincente che lascia il lettore con il fiato sospeso pagina dopo pagina. Entrerà sicuramente nella mia Top Ten del 2015.”
    (LIBRO FATATO)

    “La cisterna diviene il simbolo della burocratizzazione dell’emotività. L’altare dell’olocausto ai danni dell’empatia. Un altare velato dai sussurri della claustofobia e della paranoia.”
    (BEATI LOTOFAGI)

    “La Cisterna è un’opera nel suo genere magistrale, che attraverso un tema fantascientifico-catastrofico riesce a risultare del tutto credibile attraverso una voce italiana. Una sfida completamente vinta da Nicola Lombardi, un libro che ha il pregio di rimanere impresso nella mente, costringendo il lettore a notti tormentate.”
    (INKBOOKS)

    “Una lettura consigliata e non solo per le notti insonni che ci farà trascorrere rivivendo i cupi orrori che da essa trasudano, quanto per le domande che questo romanzo ci costringe a porci. Una fra tutte: siamo sicuri di non vivere già rinchiusi in una gigantesca Cisterna, metafora di una società che giorno dopo giorno ci ha “addomesticato” a una vita routinaria, tesa soltanto alla propria sopravvivenza?”
    (HORRORMAGAZINE)

    “L’atmosfera è cupa sin dalle prime pagine e ho apprezzato molto il modo in cui l’autore crea e dipinge situazioni, descrivendole minuziosamente, ma senza renderle pesanti. Mi sarei aspettata di tutto, tranne che la storia si concludesse in questo modo. Leggendo il libro capirete anche voi.”
    (LIBRI DI CRISTALLO)

    “Lombardi non ci lascia tregua e ci insegue, pagina dopo pagina, reclama attenzione e respiri strozzati. Ci obbliga a ricordare orrori recenti, dolori mai sopiti, vergogne dell’umanità. E ci lascia lì, sospesi in mezzo alle parole, in una atmosfera dai colori seppiati, l’odore di nebbia e di fumo, il silenzio atroce rotto solo dal rumore degli scarponi contro il metallo della struttura.”
    (LA KATE DEI LIBRI)

    “L’atmosfera che si respira tra le pagine riporta alla mente gli scenari descritti da Orwell nel suo 1984. Quella di Nicola Lombardi è una penna che solca graffi profondi che raggiungono le viscere e mettono radici nelle nostre paure più profonde, nella nostra umanità dimenticata. Avrete pietà o vi lascerete arruolare dal NOM?”<
    (IL FLAUTO DI PAN)

    “Il male, la sofferenza, il dolore… ogni cosa sembra prendere vita, avvolgendo il lettore in un vortice di sensazioni.”
    (MY SECRET DIARY)

    “Nicola Lombardi ci guida in un percorso pieno di ombre con una maestria che mi ha impressionato. Consigliatissimo!”
    (IL BIANCO E IL NERO)

    “Originale, coinvolgente, un horror psicologico che merita di essere letto. Consigliatissimo.”
    (VOGLIO ESSERE SOMMERSA DAI LIBRI)

    “Nicola Lombardi si è rivelato una sorpresa autentica, uno scrittore che non si mostra solo come un grande autore di genere, ma come uno straordinario costruttore di mondi e realtà.”
    (PQ EDITOR)

    “Una trama straordinariamente innovativa e capace di intrigare anche il più annoiato dei lettori.”
    (LUSMORE’S BOOKS)

    “Trovo La Cisterna veramente efficace per la sua capacità di descrivere situazioni, dai toni cupi e drammatici, inserite in un ambiente estremamente limitato, senza tuttavia rendere la lettura né soffocante né claustrofobica.”
    (THE OBSIDIAN MIRROR)

    “Mi è piaciuto molto lo stile di Lombardi, fluido e preciso, descrive esattamente quello che vuole che il lettore veda senza troppi giri di parole. L’ambientazione è assolutamente originale ed è una cosa apprezzabilissima di questi tempi.”
    (IL CLUB DELLE LETTRICI COMPULSIVE)

  • img-book

    L’Oscurità c’è sempre stata. Ma era confinata negli angoli delle nostre case, dove non guardavamo mai. Dietro i mobili, nei pozzi abbandonati. Era sempre con noi, ma facevamo finta di non vederla. In fondo, perché no? Avevamo tutta la luce che volevamo. Poi, un giorno, il Buio ha deciso di uscire dai suoi nascondigli lontano dagli sguardi degli uomini. E di scolpire il mondo a sua immagine.


    Nyctophobia – Mondo senza Luce di: Carlo Vicenzi 11,90

    Le porte della città si sono chiuse alle spalle di Eliana, sul suo capo una sentenza di esilio che ha lo stesso sapore di una condanna a morte.
    Nessuna luce. Il Buio ha nascosto il sole agli occhi degli uomini e ora il mondo è immerso nell’oscurità. In un futuro distopico gli esseri umani si sono rinchiusi nelle città, dove possono tenere a bada le Tenebre con il fuoco e l’elettricità. Ma l’ignoto ha sempre esercitato un ambiguo fascino sull’uomo e l’Oscurità sembra diffondere un irresistibile richiamo per coloro che le prestano orecchio. Gli sguardi si rivolgono all’esterno, là dove il Buio ha nascosto il mondo e lo ha plasmato a sua immagine: esseri privi di occhi strisciano dove la luce non arriva, creature sconosciute pronte a ghermire chiunque sia abbastanza pazzo da allontanarsi dalle zone illuminate.
    Come può Eliana sopravvivere in quella nera realtà dove lo spegnersi della fiaccola significa morte certa? E, soprattutto, saprà resistere alla tentazione del Buio?

     

    “Una distopia bellissima, scritta con maestria, coinvolgimento, amore, passione. Un romanzo irresistibile.”
    (LA KATE DEI LIBRI)

    “Consiglio questo libro a tutti, anche a chi storce il naso sentendo la parola distopia o fantascienza perché è oltre i confini di questo genere. È molto di più. E merita veramente.”
    (LA BIBLIOTECA DEL LIBRAIO)

    “Ottimo romanzo, perfetto se amate le ambientazioni distopiche e cercate una storia d’avventura emozionante e adrenalinica dalla prima all’ultima pagina.”
    (BRICIOLE DI PAROLE)

    “Lo stile del romanzo è scorrevole e coinvolgente, la trama è davvero originale e Eliana è una ragazza che entra nel cuore. Se, come me, amate il genere distopico, ve lo consiglio.”
    (SCAFFALI DA RISCRIVERE)

    “Ogni personaggio in Nyctophobia è caratterizzato in modo netto, ognuno di loro ha qualcosa di fondamentale da dare alla storia, rimanendo impresso nella mente del lettore, ma soprattutto ha qualcosa da donare a Eliana per la sua crescita interiore.”
    (HORRORMAGAZINE)

    “Un libro eccezionale sotto ogni punto di vista. Ve lo consiglio spassionatamente, una storia così non l’avete mai letta.”
    (VOGLIO ESSERE SOMMERSA DAI LIBRI)

    “Una storia nei meandri dell’oscurità. Un tipo di oscurità che non è solo fisica e palpabile ma che è soprattutto interiore, è marcia, nera come l’anima corrotta dei pochi superstiti che ancora riescono a popolare la Terra senza soccombere. Consigliatissimo.”
    (LA BANCARELLA DEL LIBRO)

    “In un crescendo di azione, colpi di scena e scenari inaspettati, Vicenzi ha costruito con bravura una storia ricca e appassionante, da leggere d’un fiato.”
    (I CANTASTORIE)

    “Alla fine della lettura mi sono commossa. Sia per come è finita sia per coloro che non ce l’hanno fatta. Questo romanzo è stato un’avventura dall’inizio alla fine. Un’avventura travagliata, ma veramente emozionante.”
    (NON SERVONO LE ALI PER VOLARE)

    “Eliana è un personaggio che non scorderemo, così come non cancelleremo facilmente dalla memoria Glauco, Diego, Manno e le altre innumerevoli figure che accompagnano il suo viaggio, un viaggio che ha inizio nel Buio e ha termine dentro se stessa.”
    (NERO CAFÈ)